Dolomiti Energia chiede il pagamento ulteriore della Tariffa Rifiuti per gli anni 2013, 2014, 2015,
giovedì 10 gennaio 2019

tari1001.pngPerché arrivano le raccomandate? Perchédal 2013 il regolamento comunale che disciplina la materia è cambiato e laDolomiti Energia verifica la corretta applicazione di tale regolamento. Perquesto i conteggi sono cambiati, non per una modifica strutturale dell’immobilein esame.

Ma se iRegolamenti sono cambiati, perché dicono che ho fatto una dichiarazioneinfedele, se nessuno mi ha avvisato?


La leggeprevede che sia il consumatore a comunicare i dati. La legge non impone allaDolomiti Energia di informare gli utenti di eventuali modifiche ai Regolamenticomunali, come ad esempio l’introduzione nel conteggio di cantine o soffitte.E’ assurdo, ma è così.


Il CRTCU el’Adoc del Trentino ritengono necessario, invece, che d’ora in poi, la societàche gestisce il servizio di raccolta rifiuti, sia obbligata dal Comune, conapposita disposizione regolamentare, che gli utenti siano avvisati dellamodifica tempestivamente.


Il terminedichiarazione infedele è il termine tecnico che si applica in tutti i casi dimancata comunicazione dei dati esatti e completi. La dichiarazione infedele èuna violazione di natura amministrativa, ma in questo caso non è stata e nonverrà applicata la relativa sanzione.


Non ci sonosanzioni da pagare anche se c’è una dichiarazione infedele, perché lerappresentanze dei consumatori hanno chiesto e ottenuto che non venisseroapplicate.


Il CRTCU el’associazione di consumatori ADOC hanno chiesto e ottenuto di non applicare lasanzione amministrativa pecuniaria, prevista dall’art. 43 del RegolamentoI.U.C. – Componente Tari dal Regolamento I.U.C., nei casi di denuncia infedele.Infatti, rispetto a quanto richiesto, il Servizio Risorse Finanziarie delComune di Trento ha accettato la nostra proposta e pertanto in presenza didichiarazioni infedeli si è proceduto solocon il recupero, oltre all’importo non riscosso, dei soli interessi legali edelle spese di sollecito, senza applicazione della sanzione.


Termini di prescrizione


5 anni,dall’anno dopo quello interessato (per l’anno 2013, inizia il conteggio dal2014): questo vuol dire che per recuperare l’anno 2013 il termine diricevimento della raccomandata a.r. è scaduto il 31 dicembre 2018. Leraccomandate a.r. ricevute in gennaio 2019 si possono riferire solo agli anni apartire dal 2014, non prima.


Cosa ècambiato?


Il Regolamentoper l’applicazione della tariffa sui rifiuti e del tributo comunale dei servizi(TARES) 2013 all’art. 6, comma 6, recita: "per le utenze domestiche, laquota fissa è commisurata al numero di componenti, il nucleo familiare ed allasuperficie dell’immobile determinata sulla base dell’ottanta per cento dellasuperficie catastale”.


Il Regolamentoper la disciplina dell’imposta unica comunale per l’anno 2014 in poi, all’art.31, comma 6, recita: per le utenze domestiche, la quota fissa è commisurata alnumero dei componenti del nucleo familiare ed alla superficie dell’immobiledeterminata sulla base della superficie calpestabile


L’art. 34 comma1, recita: i locali costituenti pertinenza o dipendenza da altri, anche se daquesti separati.


L’art. 34comma 2, recita: la superficie complessiva è arrotondata per eccesso o perdifetto al metro quadro, a seconda che il decimale sia superiore a zero virgolacinquanta ovvero inferiore o uguale a zero virgola cinquanta.


Cosa fare?


La casistica èmolto varia. Pertanto, è importante e utile verificare con Dolomiti Energia ivalori accertati e per farlo il modo migliore è prendere appuntamento con lorosecondo i contatti contenuti nella comunicazione ricevuta.


Rateizzare èpossibile?


Sì, a fatturaemessa. Se avete verificato che i conteggi dei metri sono corretti, verràemessa la fattura con la maggior somma accertata: in quel momento è possibilechiedere a Dolomiti Energia il rateizzo.